TRADIMENTO CONIUGALE E RISARCIMENTO DANNI - RELAZIONE EXTRACONIUGALE - ADDEBITO SEPARAZIONE

La Corte di Cassazione, con la sentenza in oggetto, precisa che se la violazione dei doveri coniugali (tradimento extraconiugale) ha comportato sofferenze molto frustranti, il coniuge tradito ha diritto ad ottenere il risarcimento danni morali ex art. 2059 c.c., a prescindere dalla pronuncia di addebito in sede di separazione.

 

TRADIMENTO EXTRACONIUGALE E RISARCIMENTO DANNI: LA PROVA DEL NESSO CAUSALE

A giudizio della Corte “sarà inoltre necessaria la prova del nesso di causalità fra detta violazione (tradimento extraconiugale) ed il danno, che per essere a detto fine rilevante non può consistere nella sola sofferenza psichica causata dall'infedeltà e dalla percezione dell'offesa che ne deriva - obbiettivamente insita nella violazione dell'obbligo di fedeltà - di per sé non risarcibile costituendo pregiudizio derivante da violazione di legge ordinaria, ma deve concretizzarsi nella compromissione di un interesse costituzionalmente protetto”.

 

RELAZIONE EXTRACONIUGALE E RISARCIMENTO DANNI: LA LESIONE DELLA SALUTE E DELLA DIGNITA’

Per ottenere il risarcimento dei danni morali (non patrimoniali) per il tradimento extra-coniugale il partner tradito deve dimostrare “che l'infedeltà […] abbia dato luogo a lesione della salute del coniuge […]. Ovvero ove l'infedeltà per le sue modalità abbia trasmodato in comportamenti che […] si siano concretizzati in atti specificamente lesivi della dignità della persona, costituente bene costituzionalmente protetto.”
Il risarcimento dei danni morali (non patrimoniali) per il tradimento extra-coniugale è dovuto a prescindere dalla richiesta ed ottenimento dell’addebito della separazione, poiché consiste in un vero e proprio illecito civile del tutto autonomo ex art. 2059 c.c.

 

CONCLUSIONI
Secondo la sentenza in oggetto, quindi, se la violazione dei doveri coniugali (relazione extraconiugale - tradimento) ha comportato sofferenze molto frustranti, il coniuge tradito ha diritto ad ottenere il risarcimento danni ex art. 2059 c.c., a prescindere dalla pronuncia di addebito in sede di separazione

 

Avvocato Giuseppe Maniglia

Contattatemi inviando un'e-mail a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

 

Pubblicato in Sentenze diritto civile

Site Map