SENTENZE DIRITTO CIVILE
Avv. Giuseppe Maniglia

Occupazione del posto auto condominiale: la Cassazione sul risarcimento del danno

La Suprema Corte, con sentenza n. 17460/2018, si pronuncia in merito al risarcimento del danno per illecita occupazione di un posto auto all'interno di un'area condominiale a discapito di chi ne ha parimenti diritto.

Con la sentenza in commento, la Corte di Cassazione ha confermato la sentenza di merito che aveva escluso il risarcimento del danno non patrimoniale in un caso di occupazione stabile di un posto auto in un condominio, mediante un'autovettura lasciata in sosta per l'intero giorno e da oltre un anno, dello spazio antistante la rampa di accesso al garage condominiale.

Occupazione del posto auto condominiale: Risarcimento del danno patrimoniale e non patrimoniale

In tema di condominio negli edifici, ove l'uso della cosa comune da parte di uno dei condomini avvenga in modo da impedire quello, anche solo potenziale, degli altri partecipanti, il danno patrimoniale per il lucro interrotto è da ritenere in re ipsa.

Non altrettanto è da dirsi in relazione al danno non patrimoniale, quale disagio psico-fisico conseguente alla mancata utilizzazione di un'area comune condominiale.

Occupazione del posto auto condominiale: Risarcimento del danno patrimoniale solo in casi ristretti

Di tale ultima posta risarcitoria si può ammettere il ristoro solo in conseguenza della lesione di interessi della persona di rango costituzionale o nei casi espressamente previsti dalla legge, ai sensi dell'art. 2059 c.c., e sempre che si tratti di una lesione grave e di un pregiudizio non futile.

Di seguito il testo integrale della sentenza n. 17460/2018.


FATTI DI CAUSA E RAGIONI DELLA DECISIONE

Antonietta Lioia ha proposto ricorso in cassazione articolato in tre motivi avverso la sentenza del Tribunale di Foggia del 15 novembre 2016, che aveva in parte accolto l'appello di Anna Maria Paradiso ed invece rigettato l'appello di Savino Laguardia contro la sentenza n. 449/2008 resa dal Giudice di Pace di Cerignola e perciò respinto la domanda di risarcimento dei danni (per occupazione del posto auto condominiale, ndr) avanzata dalla Lioia, compensando per intero le spese di entrambi i gradi del giudizio.

 

Antonietta Lioia convenne i coniugi Annamaria Paradiso e Savino Laguardia per sentirli condannare all'immediata rimozione di un'autovettura di proprietà del Laguardia lasciata in sosta per l'intero giorno e da oltre un anno davanti alla rampa d'accesso del garage condominiale. 

 

L'attrice chiese anche la condanna solidale di entrambi i convenuti al risarcimento dei danni per il patito disagio (mancato uso del posto auto condominiale, ndr) , da liquidarsi secondo equità.

Il Giudice di Pace di Cerignola, con sentenza del 10 ottobre 2008, dopo aver preso atto che l'automobile era stata rimossa in data 28 febbraio 2007, e perciò disposto "l'estromissione" del Laguardia con ompensazione delle spese, condannò Annamaria Paradiso a risarcire ad Antonietta Lioia i danni stimati in ..., nonché al rimborso delle spese di lite.

Furono proposti distinti appelli da Annamaria Paradiso e Savino Laguardia e il Tribunale di Foggia riformò la condanna risarcitoria, osservando come l'utilizzo illegittimo di uno spazio (condominiale, ndr) comune, pur costituendo illecito potenzialmente produttivo di danno, non potesse giustificare una liquidazione equitativa del danno (per occupazione del posto auto condominiale, ndr) stesso, essendo rimasta non provata la sussistenza di un concreto pregiudizio subito dalla comproprietaria.

 

Sull'appello del Laguardia, il Tribunale ritenne corretta la compensazione delle spese disposta dal primo giudice, avendo quegli causato la necessità del promovimento della causa nei suoi confronti in quanto autore materiale dell'illecito.

Essendo applicabile la previgente formulazione dell'art. 92 c.p.c., il Tribunale compensò le spese di entrambi i gradi tra tutte le parti, visti il parziale accoglimento dell'appello della Paradiso e la particolarità della questione riguardante il Laguardia.

Il primo motivo del ricorso principale di Antonietta Lioia deduce l'omesso esame di fatto decisivo ex art. 360, comma 1, n. 5, c.p.c., sostenendo che mediante le tre fotografie e le due lettere raccomandate allegate sarebbe risultata evidente la prova del posizionannento della Fiat Panda sulla rampa condominiale, e quindi anche del danno da disagio patito.

 

Su proposta del relatore, che riteneva che tanto il ricorso principale quanto i due ricorsi incidentali potessero essere rigettati per manifesta infondatezza, con la conseguente definibilità nelle forme di cui all'art. 380 bis c.p.c., in relazione all'art. 375, comma 1, n. 5), c.p.c., il presidente ha fissato l'adunanza della camera di consiglio.

La ricorrente Antonietta Lioia ha presentato memoria ai sensi dell'art. 380 bis, comma 2, c.p.c.

I. il primo motivo del ricorso principale di Antonietta Lioia è inammissibile, in forza dell'art. 366, comma 1, n. 4, c.p.c., perché non si riferisce con specificità alla ratio decidendi della sentenza impugnata. La ricorrente principale invoca l'esame delle risultanze probatorie che dimostrerebbero come la Fiat Panda veniva parcheggiata sulla rampa di accesso al garage condominiale, ma si tratta di fatto non decisivo, agli effetti dell'art. 360, comma 1, n. 5, c.p.c., in quanto fatto che non avrebbe ex se portato ad una diversa soluzione della controversia. Il Tribunale di Foggia non ha detto che non fosse stato provato l'utilizzo illecito dello spazio comune da parte dei convenuti, ma ha osservato come non risultasse dimostrato un conseguente danno concreto subito dalla condomina Lioia.

E' peraltro del tutto conforme alla giurisprudenza di questa Corte sostenere che, ove sia provata l'utilizzazione da parte di uno dei condomini della cosa comune in modo da impedirne l'uso, anche potenziale, agli altri partecipanti, possa dirsi risarcibile, in quanto in re ipsa, il danno patrimoniale per il lucro interrotto, come quello impedito nel suo potenziale esplicarsi (cfr. Cass. Sez. 2, 07/08/2012, n. 14213; Cass. Sez. 2, 12/05/2010, n. 11486).

Non è invece certamente configurabile come in re ipsa un danno non patrimoniale, inteso come disagio psico-fisico, conseguente alla mancata utilizzazione di un'area comune condominiale, potendosi ammettere il risarcimento del danno non patrimoniale solo in conseguenza della lesione di interessi della persona di rango costituzionale, oppure nei casi espressamente previsti dalla legge, ai sensi dell'art. 2059 c.c., e sempre che si tratti di una lesione grave e di un pregiudizio non futile (arg. da Cass. Sez. U, 11/11/2008, n. 26972).

...

III. il ricorso principale e i due ricorsi incidentali vanno perciò rigettati, compensandosi tra le parti le spese del giudizio di cassazione in ragione della loro reciproca soccombenza. Sussistono le condizioni per dare atto - ai sensi dell'art. 1, comma 17, della legge 24 dicembre 2012, n. 228, che ha aggiunto il comma 1-quater all'art. 13 del testo unico di cui al d.P.R. 30 maggio 2002, n. 115 - dell'obbligo di versamento, da parte della ricorrente principale e dei ricorrenti incidentali, dell'ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per le rispettive impugnazioni integralmente rigettate.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso principale ed i ricorsi incidentali, e compensa tra le parti le spese sostenute nel giudizio di cassazione. Ai sensi dell'art. 13, comma 1-quater, del d.P.R. n. 115 del 2002, inserito dall'art. 1, comma 17, della legge n. 228 del 2012, dichiara la sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte della ricorrente principale e dei due ricorrenti incidentali, dell'ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per i rispettivi ricorsi, a norma del comma 1-bis dello stesso art. 13.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della 6 - 2 Sezione civile della Corte suprema di cassazione, il 10 aprile 2018.

Copia non ufficiale e contenente delle omissioni decise dall'autore.

Fonti: Corte di Cassazione

affidamento_incarico_professionista_copertura_finanziaria.jpg

L’insufficienza di mezzi economici dei Comuni italiani conduce sempre più spesso ad effettuare affidamenti di incarichi professionali senza la previsione dell’impegno di spesa, ovvero della copertura finanziaria per farvi fronte, oppure indicando come fonte di copertura finanziaria un futuro ed incerto finanziamento da parte delle autorità europee o regionali.

 

Già ci eravamo occupati delle conseguenze dell’affidamento di incarichi professionali a privati da parte della P.A. senza forma scritta; oggi proveremo invece ad analizzare in maniera sintetica il caso dell’affidamento di un incarico professionale rimandando la copertura finanziaria ad un futuro ed ipotetico finanziamento di un ente terzo rispetto al committente.

 

IL DATO LEGISLATIVO: GLI AFFIDAMENTI AL PROFESSIONISTA SENZA COPERTURA FINANZIARIA

L'ormai abrogato art. 55, comma 5, legge 8 giugno 1990 n. 142 (Ordinamento delle autonomie locali) stabiliva che “gli impegni di spesa non possono essere assunti senza attestazione della relativa copertura finanziaria da parte  del  responsabile  del servizio finanziario. Senza tale  attestazione  l'atto  e'  nullo  di diritto”.

 

Tale principio è stato trasfuso nell’art. 191 del T.U. degli enti locali ove è previsto che “Gli enti locali possono effettuare spese solo se sussiste l'impegno (di spesa, ndr) contabile registrato sul competente programma del bilancio di previsione e l'attestazione della copertura finanziaria di cui all'articolo 153, comma 5” […] “Nel caso in cui vi è stata l'acquisizione di beni e servizi in violazione dell'obbligo indicato nei commi 1, 2 e 3, il rapporto obbligatorio intercorre, ai fini della controprestazione e per la parte non riconoscibile ai sensi dell'articolo 194, comma 1, lettera e), tra il privato fornitore (es. il professionista a cui è stato affidato l’incarico, ndr) e l'amministratore, funzionario o dipendente che hanno consentito la fornitura”.

 

Con tale disposizione normativa il Legislatore mira ad assicurare sia il rispetto dei principi di legalità, correttezza e trasparenza della gestione, sia il contenimento della spesa pubblica prevenendo il formarsi di un incontrollato disavanzo finanziario tramite affidamenti di incarichi professionali senza alcuna copertura finanziaria certa.

Risultando irrilevante, a tal fine, che le risorse devono essere erogate da un'amministrazione diversa da quella che abbia conferito l'incarico, come nel caso di finanziamenti legati a soggetti terzi quali ad es. Enti regionali, statali o europei (cfr. Cass. n. 24447/2015).

 

Sul punto anche le Sezioni unite con sentenza n. 12195 del 2005  hanno avuto modo di pronunciarsi nel senso che la delibera con la quale i competenti organi comunali o provinciali affidano ad un professionista privato l'incarico per la progettazione di un'opera pubblica, è valida e vincolante nei confronti dell'ente locale soltanto se contenga la previsione dell'ammontare del compenso dovuto al professionista e dei mezzi per farvi fronte (copertura finanziaria), e che l'inosservanza di tali prescrizioni determina la nullità della delibera, nullità che si estende al contratto di prestazione d'opera professionale poi stipulato con il professionista, escludendone l'idoneità a costituire titolo per il compenso.

 

Pertanto, perché l’Ente resti giuridicamente vincolato per il pagamento del compenso al professionista per l'opera professionale da lui prestata, è necessario che sussistano tutti i seguenti adempimenti:

1) la delibera di affidamento dell'incarico, che autorizza il Sindaco o il dirigente a concludere il relativo contratto;

2) la conclusione di detto contratto tra il Sindaco e/o il dirigente ed il professionista in forma scritta;

3) l’esistenza di copertura finanziaria (attestata dal responsabile del servizio finanziario), vale a dire la esistenza della imputazione della spesa ad un capitolo di bilancio, che si riferisca all'oggetto della spesa stessa e che presenti la necessaria capienza e ciò al fine di evitare che vengano assunti impegni di spesa eccedenti i limiti della somma stanziata nel relativo capitolo di bilancio.

 

LE CONSEGUENZE DELL'AFFIDAMENTO DELL'INCARICO AL PROFESSIONISTA SENZA COPERTURA FINANZIARIA 

La mancanza di uno solo di questi elementi determina la nullità dell'incarico professionale (in tal senso Cass. n. 7966 del 27.03.2008; n. 18144 del 02.07.2008 ).

 

In merito si evidenziano le considerazioni di Cass. Civile, sez. II, num. 21763/ 2016 che, richiamando ulteriori precedenti pronunce conformi, ha affermato che “in tema di obbligazioni della P.A., l'inserimento nel contratto d'opera professionale di una clausola di c.d. copertura finanziaria — in base alla quale l'ente pubblico territoriale subordina il pagamento del compenso al professionista incaricato della progettazione di un'opera pubblica alla concessione di un finanziamento — non consente di derogare alle procedure di spesa di cui all'art. 23, commi 3 e 4, del d.l. 2 marzo 1989 n. 66, convertito in legge, con modificazioni, dall'art. 1, comma 1, legge 24 aprile 1989, n. 144 (oggi sostituito dall'art. 191 del d.lgs. 18 agosto 2000, n. 267), che non possono essere differite al momento dell'erogazione del finanziamento, sicché, in mancanza, il rapporto obbligatorio non è riferibile all'ente ma intercorre, ai fini della controprestazione, tra il privato e l'amministratore o funzionario che abbia assunto l'impegno (Sez. U, Sentenza n. 26657 del 18/12/2014, Rv. 634114)”.

 

Riguardo l’attualità dei mezzi per far fronte alla spesa (c.d. copertura finanziaria) la pronuncia sostiene che “non par dubbio al Collegio che l'unica interpretazione aderente al dettato della legge e alla volontà del legislatore sia quella secondo cui il mezzo per far fronte alla spesa (c.d. copertura finanziaria, ndr) deve essere precisamente individuato e già attuale;  mentre tradirebbe il precetto normativo un'interpretazione che consentisse all'ente pubblico di indicare solo le possibili vie per la copertura della spesa, ma di tale copertura non vi fosse certezza né in ordine all'an né in ordine alla fonte”(cfr. sentenza citata).

 

Non sussistono, altresì, i presupposti di fatto e di diritto per un eventuale riconoscimento di un arricchimento senza causa, difettando il profilo della sussidiarietà, potendo il professionista, ai sensi del citato art. 191, azionare il recupero nei confronti del funzionario che ha contratto con lo stesso (ex plurimis Cass. n. 7508/2001, Cass. n. 25439/2007).

 Avv. Giuseppe Maniglia  - legalemaniglia @gmail.com

 

Collegamenti esterni: D. Lds. 18 agosto 2000, n. 267 (Testo unico delle leggi sull'ordinamento deglienti locali)

L’insufficienza di mezzi economici dei Comuni italiani conduce sempre più spesso ad effettuare affidamenti di incarichi professionali senza la previsione dell’impegno di spesa, ovvero della copertura finanziaria per farvi fronte, oppure indicando come fonte di copertura finanziaria un ipotetico e sperato finanziamento da parte delle autorità europee o regionali.

 

Già ci eravamo occupati delle conseguenze dell’affidamento di incarichi professionali a privati da parte della P.A. senza forma scritta, oggi invece proveremo invece ad analizzare in maniera sintetica il caso dell’affidamento di un incarico professionale rimandando la copertura finanziaria ad un futuro ed ipotetico finanziamento di un ente terzo rispetto al committente.

 

L’art. 55, comma 5, legge 8 giugno 1990 n. 142 (Ordinamento delle autonomie locali) stabilisce che “gli impegni di spesa non possono essere assunti senza attestazione della relativa copertura finanziaria da parte  del  responsabile  del servizio finanziario. Senza tale  attestazione  l'atto  e'  nullo  di diritto”.

 

Lo stesso principio si ricava dall’art. 191 del T.U. degli enti locali ove è previsto che “Gli enti locali possono effettuare spese solo se sussiste l'impegno (di spesa, ndr) contabile registrato sul competente programma del bilancio di previsione e l'attestazione della copertura finanziaria di cui all'articolo 153, comma 5” […] “Nel caso in cui vi è stata l'acquisizione di beni e servizi in violazione dell'obbligo indicato nei commi 1, 2 e 3, il rapporto obbligatorio intercorre, ai fini della controprestazione e per la parte non riconoscibile ai sensi dell'articolo 194, comma 1, lettera e), tra il privato fornitore (es. il professionista a cui è stato affidato l’incarico, ndr) e l'amministratore, funzionario o dipendente che hanno consentito la fornitura”.

 

Il Legislatore mira ad assicurare sia il rispetto dei principi di legalità, correttezza e trasparenza della gestione, sia il contenimento della spesa pubblica prevenendo il formarsi di un incontrollato disavanzo finanziario tramite affidamenti di incarichi professionali senza alcuna copertura finanziaria certa.

Risultando irrilevante, a tal fine, che le risorse devono essere erogate da un'amministrazione diversa da quella che abbia conferito l'incarico, come nel caso di finanziamenti legati a soggetti terzi quali ad es. Enti regionali, statali o europei (cfr. Cass. n. 24447/2015).

 

Sul punto anche le Sezioni unite con sentenza n. 12195 del 2005  hanno avuto modo di pronunciarsi nel senso che la delibera con la quale i competenti organi comunali o provinciali affidano ad un professionista privato l'incarico per la progettazione di un'opera pubblica, è valida e vincolante nei confronti dell'ente locale soltanto se contenga la previsione dell'ammontare del compenso dovuto al professionista e dei mezzi per farvi fronte (copertura finanziaria), e che l'inosservanza di tali prescrizioni determina la nullità della delibera, nullità che si estende al contratto di prestazione d'opera professionale poi stipulato con il professionista, escludendone l'idoneità a costituire titolo per il compenso.

 

Pertanto, perché l’Ente resti giuridicamente vincolato per il pagamento del compenso al professionista per l'opera professionale da lui prestata, è necessario che sussistano tutti i seguenti adempimenti:

1) la delibera di affidamento dell'incarico, che autorizza il Sindaco o il dirigente a concludere il relativo contratto;

2) la conclusione di detto contratto tra il Sindaco e/o il dirigente ed il professionista in forma scritta;

3) l’esistenza di copertura finanziaria (attestata dal responsabile del servizio finanziario), vale a dire la esistenza della imputazione della spesa ad un capitolo di bilancio, che si riferisca all'oggetto della spesa stessa e che presenti la necessaria capienza e ciò al fine di evitare che vengano assunti impegni di spesa eccedenti i limiti della somma stanziata nel relativo capitolo di bilancio.

La mancanza di uno solo di questi elementi determina la nullità dell'incarico professionale (in tal senso Cass. n. 7966 del 27.03.2008; n. 18144 del 02.07.2008 ).

 

In merito si evidenziano le considerazioni di Cass. Civile, sez. II, num. 21763/ 2016 che, richiamando ulteriori precedenti pronunce conformi, ha affermato che “in tema di obbligazioni della P.A., l'inserimento nel contratto d'opera professionale di una clausola di c.d. copertura finanziaria — in base alla quale l'ente pubblico territoriale subordina il pagamento del compenso al professionista incaricato della progettazione di un'opera pubblica alla concessione di un finanziamento — non consente di derogare alle procedure di spesa di cui all'art. 23, commi 3 e 4, del d.l. 2 marzo 1989 n. 66, convertito in legge, con modificazioni, dall'art. 1, comma 1, legge 24 aprile 1989, n. 144 (oggi sostituito dall'art. 191 del d.lgs. 18 agosto 2000, n. 267), che non possono essere differite al momento dell'erogazione del finanziamento, sicché, in mancanza, il rapporto obbligatorio non è riferibile all'ente ma intercorre, ai fini della controprestazione, tra il privato e l'amministratore o funzionario che abbia assunto l'impegno (Sez. U, Sentenza n. 26657 del 18/12/2014, Rv. 634114)”.

Riguardo l’attualità dei mezzi per far fronte alla spesa (c.d. copertura finanziaria) la pronuncia sostiene che “non par dubbio al Collegio che l'unica interpretazione aderente al dettato della legge e alla volontà del legislatore sia quella secondo cui il mezzo per far fronte alla spesa (c.d. copertura finanziaria, ndr) deve essere precisamente individuato e già attuale;  mentre tradirebbe il precetto normativo un'interpretazione che consentisse all'ente pubblico di indicare solo le possibili vie per la copertura della spesa, ma di tale copertura non vi fosse certezza né in ordine all'an né in ordine alla fonte”(cfr. sentenza citata).

Non sussistono, altresì, i presupposti di fatto e di diritto per un eventuale riconoscimento di un arricchimento senza causa, difettando il profilo della sussidiarietà, potendo il professionista, ai sensi del citato art. 191, azionare il recupero nei confronti del funzionario che ha contratto con lo stesso (ex plurimis Cass. n. 7508/2001, Cass. n. 25439/2007).

Avv. Giuseppe Maniglia  - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Contratti_pubblica-amministrazione.png

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - CONTRATTI - FORMA SCITTA AD SUBSTANTIAM -  NECESSITÀ

I CONTRATTI STIPULATI TRA I SOGGETTI PRIVATI E LE P.A. DEVONO ESSERE CONCLUSI IN FORMA SCRITTA AD SUBSTANTIAM, OVVERO PENA LA NULLITÀ (CASS. 24679/2013).

A giudizio della Corte di Cassazione (sez. I, sentenza n. 24679 del 04.11.2013) affinché il professionista possa pretendere il compenso per l’opera svolta (ad es. opera di progettazione, di consulenza, parere, etc…) alla pubblica amministrazione (es. Ministeri ed enti locali quali Comuni e Regioni) deve dimostrare di aver ricevuto l’incarico professionale in forma scritta da un organo abilitato a rappresentare l’ente pubblico.


Il contratto, inoltre, deve essere sottoscritto da entrambi le parti (privato/professionista e P.A.) in un atto contestuale, anche se non sottoscritto contemporaneamente, non essendo valido un contratto stipulato a distanza o a mezzo corrispondenza (es. lettere, e-mail, fax, etc..).
Deve sussistere, in altre parole, un contratto sottoscritto in contemporanea da entrambi le parti.

La legge consente, infatti, la stipula del contratto a distanza (fermo restando la forma scritta) solamente quando avvenga tra ditte commerciali (R.D. 18 novembre 1923, n. 2240, art. 17, richiamato dal R.D. 3 marzo 1934, n. 383, art. 87).

A tal proposito, quindi, non ha rilevanza che al professionista sia stato commissionato un incarico di progettazione e conseguentemente l’abbia portato a termine con messa a disposizione della P.A.

 Contratto_scritto_pubblica-amministrazione.png

IL CASO DECISO DALLA CASSAZIONE SEZ. I, DEL 04/11/2013, N. 24679.


Nel caso affrontato dalla sentenza in commento, dei professionisti avevano adito il Tribunale per ottenere la condanna di un Comune siciliano al pagamento del compenso per l'attività professionale di progettazione di lavori pubblici.
Gli stessi avevano ricevuto un primo incarico con una delibera, cosicché ognuno aveva sottoscritto un distinto disciplinare di incarico.

Dopo la consegna degli elaborati, il Sindaco aveva inviato ai progettisti una lettera con la quale si chiedeva la redazione di un nuovo progetto unitario che tenesse conto di sopraggiunte scelte progettuali.
Veniva conferito, quindi, un nuovo incarico formalizzato con delibera della Giunta comunale che investiva congiuntamente i quattro professionisti dell'incarico di redigere un nuovo progetto ed era stato sottoscritto un disciplinare di incarico di progettazione e direzione lavori.
Il progetto veniva conseguentemente portato a termine, ma l'Amministrazione comunale rimaneva inerte non corrispondendo il compenso richiesto dai professionisti.

Una volta instaurato il giudizio, il Comune chiedeva il rigetto della richiesta considerato che “al momento della sua proposta contrattuale il Sindaco non era stato autorizzato a stipulare alcun contratto e non era quindi in grado di esprimere alcuna volontà negoziale dell'Ente locale”. Inoltre, la delibera della giunta comunale non richiamava la lettera del Sindaco di proposta dell’incarico e non prevedeva la copertura finanziaria.

Sia il Tribunale, che la Corte di appello, avevano - quindi - escluso la volontà dell'organo deliberativo del Comune di conferire validità a un precedente atto invalido del Sindaco. La Corte ha anche escluso l'utilizzabilità della lettera "perchè priva dell'indicazione degli elementi costitutivi del contratto (determinazione del compenso o delle modalità di determinazione, tempi di consegna dei progetti, modalità di pagamento) e insuscettibile di essere considerata una valida proposta contrattuale.”

 

NECESSARIA LA FORMA SCRITTA AD SUBSTANTIAM E LA CONTESTUALITÀ NEI CONTRATTI DELLA P.A.

A confermare le superiori pronunce ci pensa la Corte di Cassazione con la sentenza in commento, richiamando un consolidato orientamento in giurisprudenza (Cass. civ. sezione 3^ n. 1702 del 26 gennaio 2006, sezione 1^ n. 1167 del 17 gennaio 2013 e n. 1752 del 26 gennaio 2007) e confermando che per il contratto d'opera professionale, “quando ne sia parte committente una P.A., e pur ove questa agisca "iure privatorum", è richiesta, in ottemperanza al disposto del R.D. 18 novembre 1923, n. 2440, artt. 16 e 17, la forma scritta "ad substantiam", che è strumento di garanzia del regolare svolgimento dell'attività amministrativa nell'interesse sia del cittadino, costituendo remora ad arbitri, sia della collettività, agevolando l'espletamento della funzione di controllo, e, per tale via, espressione dei principi di imparzialità e buon andamento della P.A. posti dall'art. 97 Cost.
Il contratto deve, quindi, tradursi, a pena di nullità, nella redazione di un apposito documento, recante la sottoscrizione del professionista e del titolare dell'organo attributario del potere di rappresentare l'ente interessato nei confronti dei terzi.

Di conseguenza, in mancanza di detto documento contrattuale, ai fini d'una valida conclusione del contratto rimane del tutto irrilevante l'esistenza di una deliberazione con la quale l'organo collegiale dell'ente abbia conferito un incarico a un professionista, o ne abbia autorizzato il conferimento, in quanto essa non costituisce una proposta contrattuale, ma un atto con efficacia interna all'ente avente natura autorizzatoria e quale unico destinatario il diverso organo legittimato ad esprimere la volontà all'esterno." Sulla necessità della forma scritta si segnala altresì  la sentenza della Corte di Cassazione, sez. I civile, 4 settembre 2009, n. 19206, citata in un parere dell'Autorità nazionale anticorruzione (A.N.A.C.).

CONTRATTI CONCLUSI A DISTANZA

"Del pari, è escluso che un simile contratto possa essere concluso a distanza, a mezzo di corrispondenza, occorrendo che la pattuizione sia versata in un atto contestuale, anche se non sottoscritto contemporaneamente." Il contratto a mezzo corrispondenza, infatti, può essere concluso quando i contraenti siano ditte commerciali  (R.D. 18 novembre 1923, n. 2240, art. 17, richiamato dal R.D. 3 marzo 1934, n. 383, art. 87)."

Rilevato, pertanto, che “al momento della sua proposta contrattuale il Sindaco non era stato autorizzato a stipulare alcun contratto e non era quindi in grado di esprimere alcuna volontà negoziale dell'Ente locale, […] la Corte ha correttamente escluso che vi sia stata alcuna volontà dell'organo deliberativo del Comune di conferire validità a un precedente atto invalido del Sindaco.

Avv. Giuseppe Maniglia

Collegamenti esterni: Forma dei contratti pubblici, Definizione Pubblica Amministrazione

abbandono_casa_coniugale_figli_minori.jpg

MATRIMONIO - SEPARAZIONE: QUALI CONSEGUENZE CAUSA L'ABBANDONO DEL DOMICILIO FAMILIARE (C.D. TETTO CONIUGALE) CON FIGLI MINORENNI PRIMA DELLA SEPARAZIONE?

Nella fase iniziale della crisi di coppia, ovvero quando il rapporto culmina in una rottura insanabile del menage familiare, desta particolare preoccupazione l'allontanamento della casa coniugale con i figli minori, appunto, prima della separazione da parte del padre o della madre. 

 

Compito dell'avvocato divorzista è quello di attivare, nel più breve tempo possibile, le procedure giudiziali idonee per far cessare un simile comportamento.

 

LA VICENDA AFFRONTATA DALLA CASSAZIONE CIVILE SENTENZA N.10719 DEL 08/05/2013
Il caso riguarda uno dei coniugi (moglie), che - volontariamente e senza alcun apparente e giustificato motivo - abbandonava la casa coniugaleallontanandosi insieme ai figli minorenni, ovvero quello che comunemente viene definito come abbandono del tetto coniugale della moglie con i figli.

 

Tale allontanamento comportava la sottrazione ingiustificata all'altro genitore (marito) di “ogni contatto per un protratto periodo di tempo con i figli”.

 

Nell’ambito del giudizio di separazione i Giudici di primo e di secondo grado, rilevavano la gravità del comportamento della moglie, pronunciavano l’addebito della separazione a suo carico, disponevano l'affidamento dei figli minori al padre, unitamente all'assegnazione della casa coniugale ed, infine, imponevano l'obbligo per la madre di versare a titolo di contributo nel mantenimento dei figli minori la somma di euro 250 mensili.


Nella specie la moglie non era riuscita a dimostrare una giusta causa che potesse giustificare l’allontanamento dalla casa (tetto) coniugale.

È bene ricordare che“l'allontanamento (della casa coniugale, ndr) prima della separazione, nella specie con i figli minori, al fine di escludere l'addebito, deve essere fondato su una giusta causa, il cui onere probatorio grava su chi realizza questa grave violazione dei doveri coniugali”. 

 

  

ABBANDONO DELLA CASA (TETTO) CONIUGALE DA PARTE DELLA MOGLIE O DEL MARITO CON FIGLI MINORENNI PRIMA DELLA SEPARAZIONE - ADDEBITO

Il principio era già stato in passato enunciato dalla giurisprudenza di legittimità nel senso che  "il volontario abbandono del domicilio coniugale è causa di per sé sufficiente di addebito della separazione, in quanto porta all'impossibilità della convivenza, salvo che si provi - e l'onere incombe a chi ha posto in essere l'abbandono - che esso è stato determinato dal comportamento dell'altro coniuge, ovvero quando il suddetto abbandono sia intervenuto nel momento in cui l'intollerabilità della prosecuzione della convivenza si sia già verificata, ed in conseguenza di tale fatto”. (Cass. 17056 del 2007; 12373 del 2005).



IN CONCLUSIONE:

L’abbandono non concordato della casa (tetto) coniugale prima della separazione, insieme ai figli minori, da parte di uno della moglie o del marito, senza provare un giustificato motivo (es. intollerabilità della convivenza per violenze, etc…), può comportare sia l’addebito della separazione nei confronti del coniuge che si allontani dalla casa familiare, che l’affidamento dei figli e dell'abitazione all'altro coniuge.

 

Di recente anche la sentenza n. 10719 del 2013, richiamando l'orientamento costante in giurisprudenza, ha avuto modo di aggiungere che " nell'ipotesi in cui l'allontanamento (della casa coniugale, ndr) riguarda anche i figli minori la prova deve essere molto più rigorosa e la situazione d'intollerabilità, anche ad essi riferita, deve essere specificamente ed adeguatamente rappresentata e dimostrata”.

 

Avv. Giuseppe Maniglia

Per conferire il mandato potete contattarmi su  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. . Potete, altresì, richiedere una consulenza legale online previo preventivo.

 

 

Pagina 1 di 14

Site Map